ITALIANS IN VACANZA

ESPERIENZE DI ITALIANI IN VACANZA

Sud America

Claudio e Paola in Argentina con 4&GO

cascate dell’Iguazú

Innanzi tutto ringraziamo in maniera particolare l’agenzia 4&GO per averci dato consigli preziosi, che hanno reso la nostra vacanza indimenticabile.

Ci siamo rivolti a loro non solo per il volo dall’Italia all’Argentina ma anche per i voli interni e per le sistemazioni nei vari hotel.

Prima tappa del nostro viaggio sono le cascate dell’Iguazú, al confine tra Argentina e Brasile, non molto lontano dal Paraguay, visitiamo solo il lato argentino di questo sistema di cascate immerso nella foresta tropicale la cascata della Garganta del Diablo é quella che piú colpisce.

Viaggio in Argentina

Le cascete dell’Iguazú sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità nonché una delle 7 meraviglie naturali del mondo, 275 salti d’acqua che raggiungono gli 80 metri di altezza.

Passiamo l’intera giornata in questo parco ricco di flora e di fauna, farfalle coloratissime, tucani e tapiri.

Trascorriamo in questa zona 2 giorni dato la vastitá del parco ed il secondo giorno facciamo un tour che ci porta a Ciudad del Este in Paraguay dove molti argentini e brasiliani vengono a fare compere.

Il giorno seguente effettuiamo il primo volo interno destinazione El Calafate nella Patagonia andina.

Visitiamo la cittá di El Calafate ed il giorno seguente ci imbarchiamo per una crociera sul lago Argentino, parte integrante del Los Glaciares National Park, meta turistica più importante di tutta la Patagonia.

Viaggio in Patagonia

Sullo sfondo del paesaggio si stagliano le Ande e i suoi ghiacciai, come l’Upsala e lo Spegazzini e gli spettacolari iceberg con i loro magici colori.

Il quinto giorno lo dedichiamo alla visita del Perito Moreno, un ghiacciaio all’interno del Parco Nazionale Los Glaciares. Indossiamo dei ramponi e partiamo in una delle molte escursioni, il paesaggio é indescrivibile come i suoi colori che sfumano dal bianco, al celeste, al blu, nessuna foto gli rende giustizia.

Viaggio in Patagonia

Ritorniamo ad El Calafate ed il giorno successivo raggiungiamo Puerto Madryn, purtroppo alcuni giorni li perdiamo per gli spostamenti interni ma se vogliamo vedere le zone piú caratteristiche sono necessari.

Il settimo giorno visitiamo la Penisola di Valdes, anche lei Patrimonio Unesco, dove il blu del cielo si fonde con il blu dell’oceano Atlantico, possiamo ammirare balene, leoni marini, delfini, foche, orche, pinguini e varie specie di uccelli come gabbiani, fenicotteri e aironi.

In serata ci spostiamo a Punta Tombo dove il mattino successivo ci rechiamo a vedere il paradiso dei pinguini, la più grande colonia di pinguini di Magellano del mondo,  mezzo milione di pinguini badano i loro nidi, cercano il cibo per i loro cuccioli e riempiendo l’aria con le loro grida, comode passerelle permettono di visitare la colonia ed avvicinarsi agli animali, che continuano a muoversi con la caratteristica andatura.

Punta Tombo

Torniamo a Puerto Madryn dove con un altro volo interno arriviamo a Buenos Aires.

Qui trascorriamo gli ultimi 3 giorni prima del rientro e abbiamo visitato i vari quartieri della cittá con i loro punti di interesse.

Dal cuore antico della cittá Plaza de Mayo con la Casa Rosada, il Cabildo Historico e la Cattedrale, lungo Avenida de Mayo ci dirigiamo Congresso della Nazione, l’obelisco in pietra bianca eretto in Plaza de la Republica, Il Teatro Colòn tra i 5 con la migliore acustica al mondo.

Viaggio in Argentina

San Telmo il quartiere multietnico di Buenos Aires che ogni domenica ospita le bancarelle della Feria de San Telmo.

La Boca, ereditato dai genovesi, con le case  vivacemente colorate, il quartiere Palermo diviso in Palermo Soho e Palermo Hollywood, vi si trova anche monumento a Giuseppe Garibaldi.

Recoleta uno dei quartieri più antichi della città con il cimitero dove é sepolta Evita Peron, Puerto Madero è uno dei quartieri più costosi di tutta la città un tempo vi era il porto.

Uno dei simboli di Buenos Aires é il Puente de la Mujer che dovrebbe rappresentare una coppia di ballerini di tango ma io non ci vedo proprio nulla ed infine Floralis Generica una scultura che rappresenta un fiore in acciaio inossidabile che grazie ad un sistema elettrico apre i suoi petali alla mattina e li richiude alla sera., anche se da qualche tempo il fiore é sempre aperto.

Claudio e Paola.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: